(P.A.Bertoli)
Ritornavo a casa giГ  poco convinto
Da una di quelle serate che non contano niente
Mi saltГІ in mente chissГ  perchГ© di prendere su e di venire da te
Quando fui arrivato innanzi al tuo uscio
Mi sentii nel fegato come un colpo
Da dentro dicevi:"Ti amo te"
Ma quel te non ero io
Vorrei sapere cosa ГЁ stato
Cos'ГЁ che in me era cambiato
Vorrei sapere cosa ti ho fatto
Da farmi un male che neanche a un gatto
Gli avrei voluto dire che tu sbagliavi
Che era un'altra cosa che cercavi
Avrei voluto fiaccarvi le ossa
Buttarvi giГ№ la casa, sputarvi addosso
Vorrei sapere cosa ГЁ stato
Cos'ГЁ che in me era cambiato
Vorrei sapere cosa ti ho fatto
Da farmi un male che neanche a un gatto
Ti avrei voluto fare qualcosa di male
Farvi un rutto, malaugurarvi un temporale
Volevo dirvi, volevo fare
E invece sono stato solo capace di piangere.
A turneva a cГ  giГ  poc convint
Da ona ed ch'el sered ch'in caunten gnint
Am saltГЁ in meint chi sa perchГ©
Ed ciaper so al du ed gnir da te
Quand a fГІ arivee inans al to ГІs
Am sintГЁ in dal fedeg come un stos
Da deint'r ed giv"Ti amo te"
Ma c'al te lГЁ annera menga me
A vrev saveir cusa le stee
Cus'ГЁ che in me l'era cambiee
A vrev saveir cusa a to fat
Da fer'm un mel che gnanc a un gat
A gavrev vlu dir che et te sbagliev
C'lera un eter quel che te et serchev
A iavrev vlu fiacher'v i os
Buter zГІ la cГ  spuder'v ados
A vrev saveir cusa le stee
Cus'ГЁ che in me l'era cambiee
A vrev saveir cusa a to fat
Da fer'm un mel che gnanc a un gat
A t'avrev vlu fer qualcosa ed mel
Fer'v un rot zurer'v un temporel
A vliva dir a vliva fer
E inveci a saun stee saul daun'd'gnuler.


Ваше мнение



Капча

Рекомендуем